MISTICO HAPPEL JUVENTUS MINKIA CLUB


Il blog del tifo juventino mistico happelliano

... Guida cosmica per juventini vagabondi ...
qui la mischia è ordinata ...
qui si tengono le castagne, la sopressa de casada, il lardo ed il vino buono

... contiene espressioni di superbia,
arroganza, vi sono le parolacce e le donnine no perchè se le vede la moglie...

... il calcio per il resto è sempre lo stesso ...
22 koglioni in mutande che corrono dietro ad un pallone del kazzo ...

Se ne consiglia la visione a Juventini Superdotati ...



lunedì 28 febbraio 2011

Chic prolungato


E' difficile parlare e scrivere di calcio quando la vita ti porta via un pezzo di te. Ragazzi se n'è andato un grande difensore, uno alla Morini, protagonista nei polverosi campi di periferia , rispettato da tutti per il suo modo di essere. Faccia di pietra e garretti d'acciaio, mio Suocero . Di un tipo così avrebbe bisogno la Juventus di oggi, una squadra che si scioglie alle prime difficoltà come neve al sole.
Due partite , quelle con Lecce e Bologna ,che evidenziano come la paura e l'insicurezza si siano impossessati della squadra . Due partite che evidenziano i limiti caratteriali prima che tecnici. Dopo una figura come quella di Lecce era lecito aspettarsi una reazione. Li avrebbero dovuti sbranare, invece sono stati accoppati come quaglie il primo giorno di caccia. Da tutto questo nessuno è esente, in primis Closeau che sta snaturando Matri pensando che sia un novello Quagliarella. Cazzo , abbiamo uno che vede la porta e lo allontaniamo dall'area di rigore per farci stare Iaquinta o Toni ? Ma vaffanculo pure tu , allora .
Urgono rimedi veloci e una buona dose di culo. Siamo a soli 7 punti dalla zona Champions, oggi è un'utopia , ma se cambiassimo modus vivendi e marcia sul campo non sarebbe un sogno impossibile. Il Milan ci dirà tante cose, molte di più di quelle viste in queste 2 giornate da incubo...


- Bertino O'Spruzzatore -

venerdì 25 febbraio 2011

27°Giornata pronostici by senzasenso ...L'Italia quasi fuori dai quarti......


Altra settimana piena di partite..........ieri sera e finita l'avventura del Napoli in Europa League.......la competizione diventata chimera per i club italiani..........ma andiamo con ordine...........dobbiamo parlare della giornata scorsa di campionato..............
senzasenso aveva pronosticato per le TRE BIG.......Inter...Juventus e Milan.........2 sconfitte e 1 vittoria.....le due sconfitte per le due squadre di Milano.......la vittoria della squadra di Torino.........si sono verificati.......3 errori arbitrali decisivi........2 regali arbitrali alle squadre milanesi.....1 torto arbitrale alla squadra di torinese............questo per evidenziare che gli EPISODI nel calcio sono fondamentali........oltretutto quelli ARBITRALI sono i più decisivi.......................
anche perchè........le prestazioni sul campo di Inter.....Juventus e Milan sono state VERGOGNOSE......vergognose e come la VERGOGNA di uno spettacolo indegno......indegno sono i soldi che si spendono per tenere in vita le tre BIG..........Spendere 900 milioni milioni di euri......per Inter...Juventuse Milan messe insieme...e da pura VERGOGNA........................VERGOGNA sono quei tifosi......che sono contenti delle prestazioni di queste 3 BIG............e poi BIG........cosa vuol dire essere BIG........?...............lo erano squadre BIG.....oggi sono degli ISTITUTI PENSIONISTICI per ex calciatori.................Una volta erano BIG.........ricordo l'era dell'INTER di FRAIZZOLI........un Inter seria...elegante......una società con i guanti bianchi..........da mettersi in inchino........da tirarsi giù il cappello...........ma FRAIZZOLI.........era un'altro tipo di uomo...di classe.....poi ricordo l'era della JUVENTUS BONIPERTIANA..........altra società di signori.......tutti i calciatori dovevano presentarsi con il grambiulino degli scolaretti........guai chi sgarrava......capelli corti...senza barba..senza tatuaggi....possibilmente coniugati con figli a carico.........alla Juventus erano aboliti i calciatori single..........la mattina sveglia all'alba con la telefonata alle 6 del mattino all'allenatore.............poi ricordo l'era del MILAN BERLUSCONIANO.....il primo Milan Berlusconiano.......quello della senza una lira............indimenticabile....quando l'ex sindaco di Milano......PSI.................poco prima del fallimento del Milan in tribunale....telefonò a Silvio Berlusconi a chiedere di comprare il MILAN.......e il Silvio Nazionale gli rispose””Chi mi da 800 milioni per comprare il Milan..io quei soldi non li ho””Infatti era il BERLUSCONI........dell'EDILNORD.....quando la domenica si dilettava a fare l'allenatore nel torneo aziendale alla EDILNORD.......aveva una piccola emittente televisiva...Tele Alto Milanese.....regalatagli dalla FAMIGLIA RIZZOLI.......la famiglia più potente di MILANO.......i RIZZOLI furono presidenti del MILAN negli anni 60..............il Silvio nazionale era un povero C****** nei primi anni 80......era come si dice...un piccolo imprenditore...........Appunto......era uno uscito dai marciapiedi della strada........comprò il MILAN........per un prestito economico fatto dal comune di Milano..per evitare che la 2° squadra di Milano scompariva................oltretutto Berlusconi era tifoso dell'Inter....ma fu obbligato..............AH...dimenticavo.....e vero il MILAN era la 2° squadra di Milano....come il Torino la 2° di Torino..........Infatti....Inter e Juventus erano il fior fiore del calcio italiano......dopo c'erano i disgraziati......del Milan e Torino.......infatti i tifosi erano i più calienti e combattivi.................Comunque..........il Milan del 1° Berlusconi.......iniziò il campionato.......senza una lira.....il Berlusconi ingaggiò come collaboratore Adriano Galliani...un ex antennista...il geometra di Monza come veniva etichettato in Brianza........antennista perchè........di notte andava a collegare i ripetitori TV per evitare i carabinieri........perchè nessuno di voi sa che in ITALIA era vietato....avere emittenti televisive private al di fuori della zona locale...c'era una LEGGE dello STATO....per garantire il MONOPOLIO della RAI di STATO....................Ehehe...infatti era chiamato in tutta la brianza......il geometra di Monza o l'antennista di Lissone........un fenomeno Galliani......e il Silvietto nazionale.......lo ingaggio all'interno del mondo del calcio.........pensate voi l'Adriano Galliani grande esperto di antenne e ripetitori......in un rettangolo di gioco.........Sta il fatto che quel Milan si vedeva che voleva emergere......incominciò a valorizzare il settore giovanile....dove arrivarono giocatori formidabili........Maldini esempio all'età di 16 anni aveva già un preaccordo con la Juventus di Boniperti.........fu il padre di Maldini a far saltare tutto..........c'era il caos in quel MILAN....il vecchio presidente FARINA che scappa con la valigia piena di soldi in AFRICA........come le scene di un film.............il MILAN viene lasciato senza presidenza....debiti fino al buco del c.ulo.......il TRIBUNALE era pronto a far fallire il Milan e lasciare liberi i calciatori........arrivò un tifoso dell'Inter....Silvio Berlusconi.......senza una lira...con al seguito un antennista ricercato dalle forze dell'ordine...oltretutto tifoso della Juventus......meravigliosoOggi..........Inter....Juventus e Milan sono allo sbando.......a parte la Juventus....sono pieni di debiti......squadre vecchie..e usurati....super spreco di soldi......ingaggi alle stelle......con arbitri come servi....a parte la Juventus.......….........Ecco forse la Juventus e un po' diversa......c'è un piccolo di bagliore diverso.....sarà che e rimasto un po' il DNA della famiglia Agnelli.........perchè il Moratti e troppo amante del potere nel calcio.....e il Silvio nazionale e troppo amante del bello fuori........Infatti l'Inter di Moratti e entrata in decine e decine di scandali calcistici......dai passaporti.....a calciopoli(telefonava anche lei).....ai tanti deferimenti ai suoi dirigenti per calciomercato fatto non con le regole giuste.............ad aver partecipato alla famosa cena delle 7 sorelle...quando si spartirono il calcio...con la morte successiva di Fiorentina e Napoli...fallite in tribunale..................La Juventus e finita nello scandalo calciopoli...perchè la squadra non era diretta dalla famiglia Agnelli ma data in gestione a terzi.........di cui un Finanziere.....Giraudo............Il Milan e finito in.........calciopoli..........come Inter e Juventus ha partecipato alla spartizione del calcio..........uccidendone il calcio.............…..................Posso comprendere il Silvio Nazionale che dopo essere diventato potente e ricco ha perso la sua identità....nel senso che non ricorda che e arrivato dalla strada.......Mio nonno Clemente...diceva che chi arriva dalla strada.......nei primi tempi e umile...nel secondo tempo conosce il profumo dei soldi..nel terzo tempo quello di recupero conosce l'arroganza del potere.......…................Moratti si muove con il petrolio.....e come il petrolio travolge tutto......…...............Agnelli sono come quando si parla di Famiglia......loro c'erano quando c'era il RE....quando c'era il Duce.....hanno visto le 2 guerre........hanno visto il paese senza una lira con la gente che faceva la fila con la tessera a prendere il pane...............…...........Sono 3 entità diverse.......uno e di colore nero come il petrolio...l'altro e da pochi anni ricco.....la sua famiglia faceva parte del ceto medio....l'altro ha visto il secolo............…...........Infatti.......nell'ultima giornata trascorsa......................Inter e Milan hanno avuto regali arbitrali decisivi..non avrebbero mai vinto la partita................infatti avranno 2 punti in meno nella vera classifica........la Juventus invece avrà 3 punti in più..............

Comunque.......fa sensazione....vedere la Juventus nella guerra tra i poveri.......prima e stata penalizzata contro il PALERMO....poi contro il disgraziato LECCE......
E successo l'esonero di Ranieri dopo l'incredibile partita Genoa-Roma....ma senzasenso lo aveva già annunciato il problema di spogliatoio a Trigoria fin dal mese di Ottobre................Bisogna capire che Ranieri rispetto ad altri allenatori non e un ruffiano....e se c'è bisogno fa la guerra........Ora a Roma e arrivato lo Studente....alias Montella.......in questo incredibile campionato......ci sono il sindacalista..alias Leonardo......il desaparecidos.....alias Simeone......... lo studente alias Montella.....lo studente dell'autogestione di una scuola occupata........
E proprio vero e il campionato di calcio della tipica frase””SPERO in DIO,poi si vedrà”

Ma voi direte?.....ma quando parli di calcio?Un attimo......abbiate pazienza....
parlo prima di comiche......come la champions...tra Inter e Bayern.......sublime catenaccio....dell'INTER.......che vergogna.........giochi a casa tua...davanti al tuo pubblico......con una squadra che costa il 30% del Bayern......perchè nessuno lo dice..il BAYERN costa il 30% in meno..............ha un bilancio ogni anno di attivo.....infatti quando ci sono i suoi calciatori che vogliono aumenti di ingaggio.....li mandano in ITALIA.....tipo LUCIO che si fotte 5 milione l'anno............oppure VAN BOMMEL che poteva venire solo in Italia......a ci da un fior fiore di stipendio ad uno di 33 anni?....................Il BAYERN pieno di mocciosi.....giocatori alcuni semisconosciuti.......altri usciti dal suo vivaio...BADSTUBER.....LAHM....SCHWEISTEIGER...MULLER......il portiere...........5 giocatori usciti dal vivaio....e nessuno lo dice...deve dirlo senzasenso..............MA DOVE STANNO i BUFFONI dei giornalisti.......sono loro i c.oglioni che devono dirlo a voi TIFOSI BOCCALONI................Comunque...il Bayern ha giocato facendo lei la partita...........rischiando sempre il contropiede...infatti l'INTER e stata pericolosa solo in contropiede...................Poi hanno ballato la danza.........il Bayern 65% di possesso palla.............L'INTER ha subito gol...quando ha tentato di giocare a calcio.....infatti ha subito il contropiede del BAYERN.....perchè per 89 minuti..l'INTER non ha mai rischiato di subire..anche perchè si difendeva in 10 giocatori dentro l'area di RIGORE.....THIAGO MOTTA difensore centrale......con LUCIO e RANOCCHIA e da squallore...................posso capire un ATALANTA che si difenda in 10.....ma l'INTER che spende 500 milioni l'anno per avere una squadra competitiva..............non lo capisco..............…........
Ma il recupero...Bologna-Roma....bè partita viziata da un grave errore arbitrale....DE ROSSI doveva essere espulso..........infatti nella vera classifica...la ROMA avrà 2 punti in meno...e il Bologna 1 punto in più............................OHHHH.....PIZARRO era in campo........e correva pure........ehehhehe...tutto com'era previsto da senzasenso..............
L'arbitro BANTI........ehehhehe....e stato premiato.......dopo CHIEVO-MILAN.......3 giorni dopo ha arbitrato Bologna-Roma.............in un paese civile..l'arbitro doveva essere fermato 6 mesi.............Per 6 mesi non vedeva una lira.................QUESTO DIMOSTRA CHE SONO IN MALAFEDE...............Perchè sbagliare a favore di Inter...e Milan non ha nessun problema economico..anzi forse sarebbero premiati..............…................L'arbitro BANTI....era quello della vergogna.....MILAN-PALERMO di 3 mesi fa.mi pare era BANTI.............BANTI arbitra il MILAN......6 punti in 2 partite....RUBATE….............................L'ARBITRO se fa un grave errore deve essere punito.....fermato 6 mesi.....6 mesi per un arbitro vuol dire non guadagnare 50 mila euri......…...............L'arbitro SBAGLIA........MILAN-PALERMO........chi se ne frega.....il gettone di soldi non lo perde.........CHIEVO-MILAN........chi se ne frega...anzi se sbaglia in favore del MILAN viene premiato......altri soldi in gettoni........BOLOGNA-ROMA.........l'arbitro sbaglia..........e chi se ne frega.......prende altri soldi...........…................L'arbitro e professionista...ogni partita che arbitra.........prende un GETTONE di PRESENZA.........più partite dirige.....più soldi guadagna................….................
Ma queste cose non le deve dire senzasenso...........le devono dire i GIORNALISTI..........ma loro sono sotto libro paga dei grandi club.................Infatti......lo scandalo....LAVEZZI e prova TV........e stata fondamentale........una televisione vicina ad una squadra di SERIE A............…................ROBINHO ?............la prova TV............?...............….............SE voi credete in questo calcio..beati voi.....che vi fate infinocchiare..........…...................................................

BARI-FIORENTINA..........................1-2........................ in trasferta..........con gol di Vargas........…...........................
BRESCIA-LECCE..............................1-2..........................Altra vittoria in trasferta...... il Lecce dell'allenatore De Canio............rispetto ad un Brescia allenato da un incapace......…..........................
CAGLIARI-LAZIO............................2-2...........................Pareggio al Sant'Elia.......scommette con gol di entrambe le squadre..............…...........................
CATANIA-GENOA.............................1-1..........................Il Catania e guidato dal Desaparecidos alias Simeone..............sarà un miracolo salvarsi..........il Genoa e trascinato da Kucka.........uno dei migliori centrocampisti in circolazione............…...........................
CESENA-CHIEVO.............................2-1..........................Il Cesena potrebbe vincere........probabile rigore al Cesena.............…................................
JUVENTUS-BOLOGNA....................2-1..........................Partita risolta da un gol da fermo............attenzione a Meggiorini..............….............................

MILAN-NAPOLI................................0-0..........................Partita falsata....dalla non squalifica di Robinho.......complimenti al Napoli per la partita in Spagna..........complimenti a Mazzarri......che con 14/15 giocatori sta praticando un ottimo calcio..............RUIZ grande acquisto............come avevo già sostenuto...............il MILAN? Gioca sull'errore dell'avversario......non sa mai giocare a viso aperto per non scoprire la difesa..............e quando lo fa......le prende sempre....colpa di ALLEGRI....che non riesce a creare calcio con difesa scoperta................dovrebbe imparare da DELIO ROSSI.....tiene terzini altissimi.....si difende con 2 soli giocatori....1 solo mediano......il PALERMO gioca a calcio.....e subisce anche gol...perchè GIOCA................il MILAN invece non riesce a giocare a calcio..perchè ha paura di subire 2..3 gol a partita.....quindi PALLA LUNGA........e l'armadio IBRAHIMOVIC che difende palla con spallate e botte.....e contropiede.......infatti IBRAHIMOVIC rende in ITALIA perchè il suo gioco e aiutato dal potere che rappresenta la maglia che indossa....metti IBRAHIMOVIC con la maglia della REGGINA...viene squalificato ogni due partite..............QUESTO ti fa capire il MARCIO del calcio italiano.............CAVANI?......................CAVANI e formidabile....non fa mai falli...non si prende a spallate con gli avversari................non insulta nessuno.....non sbraita contro nessuno..............non insulta l'avversario...........subisce e sta zitto.............la differenza tra CAVANI e IBRAHIMOVIC e il potere.................................CAVANI se giocasse nel MILAN.....ogni giorno il giornale di partito......scriverebbe FENOMENO a carattere cubitali...le TV di STATO.......farebbero documentari sulla sua vita......gli angeli che scendono dal cielo e danno l'aureola a CAVANI........se IBRAHIMOVIC giocasse nel NAPOLI.........ci sarebbe la denigrazione dei MEDIA........il lavaggio del cervello mediatico.........i GIORNALISTI direbbero che gioca sporco..fa troppi falli..insulta.......al GIUDICE SPORTIVO ci sarebbero filmati su filmati sugli insulti agli arbitri...............ma state calmi...............CAVANI e al NAPOLI......e non possono denigrarlo......perchè e FRATE......basta vederlo in faccia.....CAVANI sembra quei frati missionari del RIO DELLE AMAZZONI.......che si presentono con il volto di gesu C******......INVECE...IBRAHIMOVIC gioca nel MILAN......insulta chiunque....fa falli pesanti........(Ibrahimovic&Materazzi).......insulta arbitri.....gioca sempre al limite del regolamento.............ma e DECANTATO.........in questi giorni.....presenteranno in TV una FICTION in onore di IBRAHIMOVIC.........sarà affiancato da PADRE PIO...........Il ballerino del Tip Tap alias Ibrahimovic...non e stupido...e persona intelligente......ha già capito chi comanda nel calcio italiano...infatti ha trovato il suo mondo qui......prima alla Juventus....poi all'Inter e oggi al Milan........a lui non conviene oltrepassare le ALPI.......qui e protetto...venerato......... …............................

PALERMO-UDINESE.........................2-2.........................Partita più spettacolare della giornata tra le due squadre che praticano il miglior calcio in Italia...........il Palermo......non ha gli esterni.....titolari.........l'Udinese e in grande forma.....nessun infortunio...nessun problema.....partita da TRIPLA...m achi vuole scommettere.....mettere GOAL............…........................

ROMA-PARMA...................................3-1...........................La partita del probabile esonero del mio amico Pasquale Marino..................ma era prevedibile ad Agosto.......senzasenso lo aveva profetizzato che ci voleva un miracolo per non fa retrocedere questo Parma.......troppo poco...Giovinco e Candreva in questa squadra......2 soli contro tutti.......nella Roma dello Studente alias Montella......si vedrà la tipica squadra Spallettiana.....già in molti mi hanno detto se a Montella gli ho fatto capire che Borriello e Totti non possono giocare insieme.........più che altro...lo studente.....lo ha capito da solo......la differenza tra TOTTI e BORRIELLO e come il vino con l'acqua.........se vuoi giocare per la squadra e farla rendere bene devi far giocare TOTTI centravanti.........se vuoi giocare per far segnare gol ad un giocatore ma bruciando la qualità enorme della squadra fai giocare BORRIELLO centravanti.....bisogna vedere cosa vuoi ottenere...........SENZASENSO non avrebbe mai preso BORRIELLO alla ROMA.......la ROMA aveva bisogno del vice TOTTI.....un DIAMANTi.....un GIOVINCO....un giocatore capace di fare il centravanti SPALLETTIANO.........tipo DI NATALE....tipo CAVANI...tipo MICCOLI.....il calcio senzasensiano.......Ad AGOSTO...se senzasenso ha dato 6,5 alla pagella della ROMA una ragione c'è....proprio all'arrivo di BORRIELLO.............ed il rientro di PIZARRO?..............bè PIZARRO insieme a XAVI...INIESTA..FABREGAS....e il più forte centrocampista al mondo........giocatore che ti nasconde la palla.....................PIZARRO...XAVI....INIESTA...FABREGAS...stesso fisico.....stessi piedi.......….........................

SAMPDORIA-INTER......................1-1..........................Trovo strano che non giochi MACHEDA vicino a MACCARONE...............l'Inter del sindacalista alias Leonardo?............gioca sull'errore dell'avversario.......…...........................
ATALANTA-SASSUOLO...............1-0............................Marilungo in gol.......….........................
FROSINONE-GROSSETO..............1-1............................Pareggio con polemiche.........…........................
MODENA-SIENA.............................1-2...........................Partita a rischio per il Siena.....…........................
PESCARA-ALBINOLEFFE..............2-0...........................Il Pescara e ad un soffio dai play off....….......................
SCOMMESSE 3 PARTITE….......................
Bari-Fiorentina.......................2...........................3 gol come minimo
Brescia-Lecce.........................2...........................3 gol come minimoPalermo-Udinese....................X...........................4 gol come minimo…..........................
3 NOMI FANTACALCIO….........................Di NataleHernandezSanchez…........................

CLASSIFICA DEI NON REGALI ARBITRALI(alla 26 Giornata)Gli errori gravi sono in 3 partite.........Inter-Cagliari....Lecce-Juventus e Chievo-Milan.........errori che hanno condizionato e truccato le partite...........Inter ha segnato un gol in un enorme fuorigioco.....due giocatori e non uno erano in fuorigioco.......l'Inter non avrebbe mai vinto quella partita perchè lo si e visto lo spettacolo indegno nei 90 minuti...........La Juventus sullo 0-0 non ha ricevuto un rigore gigantesco a campo visivo largo.....con espulsione.........la Juventus segnava il rigore e con 1-0 giocava in 11 contro 10................il Milan ha segnato un gol irregolare dopo un fallo di mano evidente anche dall'arbitro..campo visivo largo....ma BANTI si sa che e pro Milan.......lo sanno tutti.........in settimana lo stesso Banti....fa un regalo alla Roma........falsando la partita contro il Bologna.......tenendo in campo DE ROSSI che doveva essere espulso......e la ROMA non avrebbe mai vinto contro il Bologna..in 10 contro 11...ma tranquilli....BANTI continuerà ad arbitrare tra pochi giorni...come se nulla fosse accaduto..................GRANDIOSO.................eheh.....scusate....un attimo che smetto di ridere..poi concludo......................ecco..........Inter 2 punti in meno.....Cagliari 1 punto in più...........Juventus...3 punti in più.............Lecce 3 punti in meno.....Milan 2 punti in meno...Chievo 1 punto in più.............Bologna 1 punto in più...............Roma 2 punti in meno...........Nella classifica vera...da notare il Napoli che balza al 1° posto......meritatamente.......il Palermo la squadra con più torti arbitrali al 2° posto.......................la Lazio senza aiuti arbitrali al 3° posto...........Milan....Inter e Juventus vicini in classifica........anche perchè sono 3 squadre identiche..la differenza sono gli aiyti arbitrali......sE GLI ARBITRI FOSSERO ONESTI..........tra Inter..Juventus e Milan sarebbero vicinissimi in classifica....................dietro a chi gioca a calcio.....alias...Napoli....Palermo....Lazio.............L'UDINESE?...............per ora nessun problema arbitrale........ne a favore ne contro................la ROMA.......e nella metà..........nel senso...aiuti e torti.......…....................
... omissis ...Buon calcio a tutti


mercoledì 23 febbraio 2011

La Cantera del Barca.


Prima di parlare del Barca, della sua Cantera e del suo centro(che ho avuto il piacere di visitare qualche anno fa) vorrei farvi leggere poche parole che ha rilasciato Giuseppe Rossi in un'intervista, alla domanda sulla differenza tra Italia e Spagna.

"Qui ci si allena sempre con il pallone. In Italia si curano tanto la tattica, la posizione. Cose utili, ma nel calcio conta la palla. Bisogna saperla toccare, dirigere, muovere con la squadra. Qui è sempre al centro, in Italia meno, e per questo il calcio spagnolo è il più bello, il Barcellona la squadra più forte, la Spagna campione del Mondo e d'Europa".

La semplicità di questo concetto è concentrata poi nella più alta espressione della Settore Giovanile spagnolo, la Cantera del Barcelona.

Una piccola considerazione è opportuna: il Spagna il fenomeno dei "canterani" è in pieno sviluppo e il Barca non è l'unica squadra a puntare forte sul settore Giovanile e sui talenti "fabbricati" in Casa. Lo stesso Villareal di Giuseppe Rossi quest'anno ha promosso nove ragazzi provenienti dal suo settore giovanile. Vien poi il Barcelona che ha in rosa dieci prodotti del vivaio preceduti dalla tradizione basca dell'Athletic di Bilbao con addirittura tredici giocatori cresciuti nel proprio settore giovanile. Vengono poi Osasuna ed Espanyol(nove giocatori), poi Valencia e Siviglia(sei).
Una parentesi è d'obbligo sul Real Madrid, nel quale attualmente militano pochi giocatori cresciuti nel vivaio, tra i più noti i portieri Casillas ed Adan, poi Granero e Arbeloa.
Il Real paga una gestione societaria negli ultimi anni scellerata, spendacciona e disattenta, alla ricerca di giocatori-figurine, tralasciando il settore Giovanile che ha prodotto circa una settantina di giocatori che militano in squadre professionistiche suddivisi tra la Liga,la serie B spagnola e i vari campionati esteri compresa la nostra serie A, e facendosi sfuggire dei giocatori che son diventati fondamentali per le loro squadre(Eto’oe Cambiasso sono due prodotti della cantera delle merengues).Non stiamo qui a specificare tutti i giocatori che sono sparsi tra le varie società ma sicuramente dati come questi fanno capire quanta pianificazione e lavoro ci sia dietro al settore giovanile del Real Madrid.
Questi dati solo per confermare l'attenzione che hanno tutti i Club Spagnoli nell'individuazione, formazione e crescita del talento, ed è un bene soprattutto per la Nazionale che ha aperto un ciclo e dopo aver vinto gli Europei nel 2008, non a caso per la Prima volta si è laureata Campione del Mondo 2010 giocando un calcio spettacolare ed offensivo. Ma entriamo nello specifico e parliamo della Cantera del Barcelona che ho visitato in prima persona.
Struttura ed organizzazione
Il Barcelona prima squadra e le sue squadre si allenano in un centro spettacolare e curatissimo, il centro Joan Gamper, con una decina di campi in erba sintetica e naturale.
Sia i giocatori della Prima squadra sia quelli delle giovanili si allenano negli stessi campi(in cui campeggiano i posters degli Xavi, Messi, Iniesta e Puyol), seppur in orari diversi. Guardiola conosce benissimo i metodi d'allenamento della Cantera che è divisa in queste categorie:
-Juvenil A composta dai ragazzi del ’91 e del ’92

-Juvenil B(92-93)

-Cadet A e B(94-95)

- Infantil A e B(96-97)

-Alevì A e B(98-99)

-Benjamì A e B(2000 e 2001)

-Prebenjamì(2002)

Oltre a queste categorie il Barcelona Prima squadra ha creato la squadra B(chiamata Barcelona Atletic) che è iscritta regolarmente nella Segunda Division, dove giocano i migliori prodotti del vivaio ma anche giocatori più anziani, ma che essendo una filiale non può esser promossa in Prima Divisione e non può partecipare alla coppa Nazionale.

Tutte le squadre hanno un allenatore ed un vice altamente formati dal punto di vista tecnico ed educativo, le squadre si allenano per 5 volte alla settimana.

Formazione tecnica e psicologica
La premessa fondamentale risiede nel fatto che la Cantera blaugrana, prima che formare ottimi giocatori e potenziali campioni o addirittura fuoriclasse, si pone l'obiettivo di formare buone persone, dall'animo nobile e con i valori educativi dello sport inculcati sin da tenera età. Tutti i giocatori del Settore Giovanile salutano non solo il proprio Mister ma anche tutti gli altri tecnici. Sono severamente vietati piercing e tatuaggi di ogni tipo, capigliature bizzarre o colorate, assolutamente vietato il fumo e grande importanza viene data al comportamento scolastico, all'uguaglianza, al rispetto reciproco.

L'unico modo attraverso il quale i giocatori del Barça devono distinguersi è legato all'abilità sportiva e al fair-play.

Dal punto di vista tecnico/tattico l'organizzazione dell'allenamento e dei suoi contenuti, è UNIVOCA(a parte qualche particolare), in modo da agevolare il "salto" di Categoria, e si svolge in questa maniera, diviso in cinque fasi:

1-Riscaldamento: non è mai effettuato a secco(=senza palla) né in forma tradizionale. Si lavora quasi sempre con la palla.
2-Prima parte: si lavora sulla tecnica con combinazioni di gesti tecnici specifici.
3-Seconda parte: torello, gioco di posizione, possesso-palla.
4 Parte finale: minipartite a tre squadre, partite con i "comodini"(così si chiamano in Spagna i "jolly"), partite a tema (con riferimento agli obiettivi della sessione).
5-Defaticante: questa fase serve per creare un'abitudine nel giocatore del settore giovanile.



Per quando riguarda le componenti tecniche, il passaggio(rasoterra) e il controllo orientato che permette la gestione di palla a 2 tocchi, sono quelle più allenate e su cui si lavora di più: circa il 60% del lavoro tecnico viene fatto su questi due fondamentali. Si insiste anche sul tiro e sul dribbling, sulla velocità con la palla e sul gioco di testa. Ma il passaggio e il controllo orientanto sono i fondamentali più importanti su cui si basa lo stile di gioco blaugrana, costituito, anche a livello giovanile, da un prolungato possesso della palla e dalla capacità di amministrare i ritmi della partita.

Il tiro, il dribbling, il colpo di testa e la velocità sono allenate con l'obiettivo di fare la differenza negli ultimi 20-25 mt, quando le qualità individuali possono(e devono) emergere.

Nelle partitelle a tema si lavora in modo specifico su alcuni concetti di tattica individuale, come lo smarcamento e la scelta sulla linea e angolo di passaggio(rasoterra o alto, sui piedi o nello spazio), a livello difensivo si lavora sul marcamento/copertura e la presa di posizione, e sulla lettura situazionale dell'anticipo e del temporeggiamento.

Anche gli obiettivi delle partitelle sono consoni alla filosofia blaugrana:

• Cercare di vincere essendo una squadra più sportiva degli avversari
• Cercare di vincere giocando molto bene a calcio(tenere palla, fare uno-due, etc)
• Cercare di vincere facendo più goal dell’avversario

Dal punto di vista del modulo anche qui si insiste il concetto è univoco in quanto tutte le catergorie della Cantera del Barcellona utilizzano il sistema di gioco 433, ma conoscono anche la variante più offensiva, il 343.

Dal punto di vista atletico le squadre si eseritano a secco in rarissime occasioni e palla è sempre presente. Anche quando l’obiettivo è lavorare sull'agilita e sulla reattività le squadre si allenano mediante staffette con l’utilizzo della palla.
L’allenamento, sulla scia di scuole come quella Olandese(soprattutto dell'Ajax "tramandata" da personaggi come Van Gaal, Cujiff e Rjikaard), è considerato come un mezzo per formare il calciatore in maniera integrale.

Conclusioni
In Spagna, e nello specifico a Barcellona, c’è un enorme rispetto per la Cantera che viene vista dalla società come essenziale e primario e non come un elemento accessorio.
Un altro aspetto fondamentale consiste nella filosofia e nello stile di gioco del club che in tutte le categorie è lo stesso ed è univoco. Lo stile e i flussi di gioco della Prima squadra e dei giovani dalla Juvenil alle altre categorie del settore è identico, tutti schierati con il famoso 433, si interpreta la partita allo stesso modo, con la stessa filosofia e con gli stessi movimenti.
Questo è indubbiamente un enorme vantaggio per il giovane che quando è chiemato a giocare in prima squadra conosce già a memoria il contesto tattico nel quale è chiamato a esprimersi e molte esercitazioni che sarà chiamato ad eseguire in allenamento.

Nelle pareti dei campi campeggiano le gigantografie a grandezza naturale dei vari Puyol, Messi, Piqué, Iniesta, Xavi e tutti gli altri campioni forgiatisi nella Cantera, quasi ad invogliare i ragazzini a diventar come loro, e sono visti dai giovani come punti di riferimento di un sogno che può diventare realtà. A loro volta i campioni affermati accolgono con piacere in prima squadra il giovane, mettendo da parte invidie che in Italia sentiamo(e vediamo spesso), perchè ricordano bene il percorso che loro stessi han fatto anni prima.

Riassiumiamo i punti fondamentali della filosofia blaugrana:

-l'individuazione e la ricerca del talento
-il lavoro di formazione educativa
-il lavoro tecnico specifico(passaggio-controllo orientato, i 2 tocchi)
-gli esercizi di base sul possesso palla che trasmettono la cultura propositiva del gioco e del FARE calcio
-il lavoro omogeneo e il fattore "univoco" che porta a non avere difficoltà nel "salto" di Categoria
-la voglia di crearsi i giocatori in casa e portare i giocatori della Cantera in prima squadra

Come vedete, tutto è anni luce da quello che è il Settore Giovanile italiano. Durante la mia visita al centro Gamper sono rimasto a bocca aperta, da questa che è più di una squadra di calcio, è una filosofia di vita e di crescita del ragazzino.

Inutile dire che il sogno, da appassionato, è vedere in Italia le stesse cose, riprendendo concetti della Cantera. D'altronde anche gli spagnoli del Barca sono ormai i padroni mondiali di un metodo, uno stile di gioco e in particolare di una filosofia trasversale, ma dopo che il club ha per anni apprezzato e "importato" i principi e le metodologie del calcio "totale" olandese grazie agli insegnamenti di allenatori come Cruijff, Van Gaal e Rijkaard.


- Mister Baggio18 -

martedì 22 febbraio 2011

Tempo di crisi


Crisi Juve, tracollo in borsa delle azioni per gli eventi che coinvolgono il nostro maggior partner societario che comprendono anche colossi come Unicredit e Eni. Radio mattutine che paventano scenari caratterizzati da freddi inverni. Voci incontrollate che danno per certo o imminente l'esonero di Delneri. Manca ormai un solo anno al fatidico 2012 ma ... la storia ci viene incontro. Vediamo come.
Negli anni settanta , 40 anni fa si andava a piedi la domenica e per pomiciare se avevi la ragazza fuori paese dovevi:
a) pigliare l'autobus
b) incamminarti a piedi
c) tirarti una sega
d) leggere passeggiare sognare

ecco che il punto d) ci riempie di speranze per il futuro prossimo che sia non peggio di quello prospettato nel 1970 e volendo anche il punto c) aiuta a tirarsi su il morale.

nelle foto le due facce della crisi

lunedì 21 febbraio 2011

C'era una volta la Juventus, c'erano una volta gli Juventini

Ricordo i gol di Bettega, l'esplosione di Cabrini, Scirea, Tardelli
Ricordo la vittoria in Uefa col Bilbao col coltello tra i denti
Ricordo l'eliminazione in Coppa Campioni contro il Bruges di Happel
Ricordo i campionati punto a punto col Torino
Ricordo che tutta Europa guardava una squadra tutta Italiana giocare il calcio degli Dei
Ricordo il fuorigioco di Turone e le risate che ci facevamo
Ricordo l'arrivo di Platini e Boniek
Ricordo la delusione di Atene contro l'Amburgo di Happel e Magath
Ricordo la notte di Basilea, dove ad uno spento Platini si prese la squadra sulla groppa un Beniamino, Vignola di cognome, oltre al Bello di Notte Zibi
Ricordo il Bello di Notte che con le sue sgroppate stese il Livepool di Ian Rush
Ricordo la tragedia dell'Heysel
Ricordo la discesa agli inferi con Magrin
Ricordo le coppe portateci da Zoff, battendo pure il SuperMilan Sacchiano
Ricordo il calcio champagne di Maifredi che sapeva di tappo
Ricordo l'arrivo del divin codino
Ricordo la coppa col Trap di ritorno
Ricordo la Juve di Lippi e l'Europa che c'invidiava
Ricordo il rigore su Ronaldo e i pianti isterici dei perdenti nerazzurri
Ricordo il tradimento di Lippi per l'Inter
Ricordo il pacioccone Ancelotti e la sola Esnaider
Ricordo il ritorno ritorno di Lippi e la beffa del 5 maggio, di Manzoniana memoria
Ricordo l'arrivo di Capello, che alla Juve ci venne controvoglia
Ricordo un giovane Fabregas e un'orda di mocciosi sbeffeggiarci in CL

... BUIO ...

Ricordo la discesa forzata in B
Ricordo le giornate di Pinzolo con un Pippanovic interista da sempre
Ricordo la partita di Rimini
Ricordo il ritorno a casa
Ricordo Ranieri ed il suo "alla Juve non si può dire di no" dopo che la stella juventina Vialli aveva sparato cifre da capogiro
Ricordo il gol di Camoranesi a Milano e i pianti manciniani
Ricordo la notte del Bernabeu, dove il mondo si fermò ad ammirare la squadra che era tornata, tranne i suoi tifosi veri
Ricordo la cacciata del cantante e la gioia dei tifosi veri
Ricordo l'arrivo di Diego e Melo e la gioia dei tifosi veri
Ricordo l'arrivo di Zaccheroni e i record negativi della Juventus
Ricordo l'avvento "del cugino" di alla presidenza e la sua determinazione a far dimenticare quei record negativi

... BUIO ...

Ora leggo una fronda di b.m. che dicono che Zibi non è la storia della Juventus
Ora si dice che Chiellini è la reincarnazione di Scirea
Ora sento una lagna continua con gli arbitri, d'interista memoria
Ora vedo una squadra che le prende pure dal Lecce senza 7 titolari, dopo esser stata sbeffeggiata per mezza europa

E mi dico "C'era una volta la Juventus, c'erano una volta gli Juventini"

venerdì 18 febbraio 2011

Cosa stavamo dicendo??


Ah ecco si parlava di Gagg e di unità d' Italia nonchè oggi compie gli anni il giocatore più bravo di sempre il forte e coraggioso Roberto Baggio, al secolo Coniglio bagnato.

giovedì 17 febbraio 2011

Mourinho



Casualmente mi sono ritrovato a leggere un libro scritto da due studenti portoghesi che hanno studiato il metodo di allenamento di Josè Mourinho comparandolo ai metodi di allenamento tradizionale.


E' stata un'esperienza che mi ha chiarito molte cose non facendomi cambiare l'opinione generale che ho su questo allenatore( sicuramente persona intelligente soprattutto nel "copiare" dai suoi maestri, da cui probabilmente ha preso, sicuramente lo si mette tra i primi 5-6 allenatori al mondo ma bravo soprattutto a gestire i giocatori a livello psicologico, a gestire i mezzi di comunicazione, e dal punto di vista tattico bravo a difendersi ed a ripartire..insomma che non si è mai inventato nulla, e che praticamente con il tempo è diventato "schiavo" del suo personaggio).


Questo libro per la verità non è scritto egregiamente(agli interessati il titolo è "Mourinho-questione di metodo") forse pena anche la traduzione non sempre eccelsa. 


Da quando è arrivato alla ribalata, neanche tanto velatamente Mourinho è uscito completamente fuori dagli schemi tradizionali in fatto di comunicazione, ma probabilmente anche di metodo. Da appassionato di calcio e delle sue dinamiche tecniche-tattiche-atletiche mi chiedevo se la serie di "tituli" che compone un curriculum eccezionale(specialmente per un allenatore di 46 anni) fosse frutto della semplice fortuna(prima o poi a qualcuno sarebbe dovuto succedere) o se siamo davanti davvero a un innovatore.


Cosi' nel libro, dopo una sfilza di pagine volte probabilmente soltanto soltanto a riempire la lunghezza commissionata dalla casa editrice, nelle quali i concetti sono spesso ripetitivi, e vengono incollate intere pagine di giornale, con lo scopo di evidenziare metodologie di allenamento tradizionale (con riferimento ai nostri Del Neri e Zoff) si passa al nocciolo della questione ed al concetto principe del libro, sulla quale si fonda il pensiero mourinhano:

Il miglior modo per allenarsi su uno sport come il calcio è semplicemente.. giocare a calcio


Un buon allenatore in allenamento dovrà presentare esercitazioni volte ad evidenziare determinati "principi e sottoprincipi di gioco" e a favorirne la loro "introiezione gerarchizzata". per far cio' è necessario perciò agire su determinati aspetti dell’allenamento che coinvolgono situazioni di gioco, individuale o di squadra, più o meno complesse.


La novità(si fa per dire) sta nell’assunzione che la "forma fisica" è un concetto totalmente dipendente alla "forma generale" e di questo ne sia la naturale evoluzione.


Per intenderci: a che serve un mese di preparazione fisica, dove faccio diventare i miei atleti prima dei fondisti, poi degli sprinter e solo alla fine di tutto ciò gli consegno un pallone e gli faccio fare una partitella, se questi giocatori non hanno nemmeno un’idea del loro sistema di gioco?


Se ho poco tempo a disposizione(la norma nel calcio professionistico e soprattutto anche dilettantistico) questo lo spendo per insegnare ai giocatori quale sarà il modo di giocare, per allenare gli automatismi e per creare delle situazioni facilmente riscontrabili in partita, sulle quali allenarmi tenendo altissima la concentrazione(e quindi diminuendo il carico di lavoro).


La supercompensazione fisica è derivante dall’allenamento tattico/metodologico, e non necessariamente il mio giocatore dovrà correre sessanta metri in 7 secondi, basta che lo sappia fare con l’abilità cognitiva di capire se in quello scatto si dovrà cercare un dribbling piuttosto che un uno-due. il lavoro sulle distanze brevi/cambi di direzione dovranno essere fatti utilizzando l'allenamento situazionale, simulando i tempi di partita in cui queste qualità son richieste, lo sviluppo della forza muscolare pure, gli attrezzi della palestra sono vincolati ai periodi di recupero, nel caso in cui i medici ritengano questo tipo di recupero necessario.


Grazie al preparatore storico Rui faria, Mourinho ha elaborato una vera e propria enciclopedia delle situazioni allenanti più favorevoli per lo sviluppo di determinate qualità di gioco, e riesce a rendere ogni allenamento diverso dal precedente.


Si insiste sovente sul concetto di "concentrazione", che è un vero e proprio fattore allenante e dalla quale non si può prescindere, con l'obiettivo di ottenere allenamenti che si basano sull’identità di gioco della squadra fin dai primi giorni di preparazione.


Viene abolita la preparazione fisica tradizionale anni '90(che purtroppo in Italia per la maggior parte delle nostre squadre rappresenta ancora un must e una gran mole di lavoro) e la si sostituisce con situazioni di gioco volte a migliorare determinati "principi" , "sottoprincipi" , "sottoprincipi dei sottoprincipi" di gioco, i dettagli.


Da qui si evince che Mourinho non è un innovatore in questo campo e che questo tipo di allenamento è stato già introdotto(da Benitez) e sperimentato da tanti allenatori, e viene comunemente definito col nome di "approccio integrato all’allenamento".


Una piccola differenza che varia poi da allenatore ad allenatore, è riscontrabile sul lavoro prettamente fisico, ovvero l’allenamento integrato si basa sull’utilizzo del pallone nella maggior parte della seduta, con esercizi di diverso tipo, svolti sempre col pallone(senza tralasciare l’aspetto "fisico").


Vedrete giocatori fare addominali passandosi il pallone con le braccia dopo ogni ripetizione, o altri esercizi "fisici" mascherati dall’uso della palla. Per Mourinho cio' che conta è creare situazioni verosimili su cui lavorare, creare situazioni di gioco che accentuino determinati movimenti, ricorrendo a vincoli di vario tipo che pongano i giocatori obbligati a sviluppare determinati fattori allenanti.


Il tutto con la massima concentrazione.


Mourinho ha abolito il doppio allenamento inteso come seduta di tipo "fisico" la mattina e una di tipo "tattico" la sera, per il semplice motivo che i giocatori hanno bisogno di concentrazione, che può essere garantita solo da un numero limitato di ore. L’esempio più banale proposto dal libro è che una corsa in rettilineo, per quanto lunga e intensa, non richiede uno sforzo di concentrazione elevato. Una situazione di gioco sullo zero a zero in una partita fondmentale a pochi minuti dalla fine richiede quantità elevatissime di concetrazione. Bisogna perciò lavorare sul secondo punto, e non sul primo.


Particolare attenzione si pone poi al discorso del recupero, che dev’essere inteso più come recupero del sistema nervoso centrale, della testa, che come recupero fisico.


Concludendo non si può negare il fatto che Mourinho sia stato un ciclone come impatto sul calcio, sia italiano che mondiale. Il tipo di allenamento da lui proposto è il tipico uovo di colombo.


Per allenarsi in un certo sport è necessario allenarsi praticando esattamente quello sport, il discorso vale soprattutto per il calcio dove il tipo di fisico conta decisamente MENO che in altri sport(a calcio trovano spazio giocatori di diversa statura, corporatura e caratteristiche tecniche), ma ciò che conta realmente è l’organizzazione di squadra.


Mourinho è famoso sia per la sua impresa in Champions e in Uefa con il Porto, ma anche e soprattutto per i campionati nazionali vinti(compreso quello di serie A).


Un approccio così lineare e banale da essere quasi sconvolgente e da far pensare, "ma proprio mai nessuno prima di oggi aveva pensato a tutto ciò?".


La risposta è assolutamente affermativa, questo metodo come si è gia' detto risponde ai principi del Metodo Integrale, che a sua volta non è del tutto nuovo, ma trova dei precedenti. Il metodo di Mourinho trova parzialmente riscontro in alcune delle scuole calcio più importanti al mondo, come l’Ajax o il Barcellona.


Il Barcellona cambia mezza squadra e fa giocare le riserve? è incredibile notare come i principi di gioco siano esattamente gli stessi della prima squadra. Ai ragazzi della cantera del Barca viene insegnato a giocare in un certo modo fin dalla giovanissima età e la prima squadra non si discosta molto come impostazione dalla primavera, e i risultati sono davvero sorprendenti...ma di questo ne parleremo in un altra occasione.


- Mister Baggio18 -

mercoledì 16 febbraio 2011

Zibi Boniek.







GRAZIE ZIBI'
(da wikipedia)
Zibi arriva a Torino e trova, oltre a sei campioni del mondo, anche Platini con il quale si consolida l'intesa nata 3 anni prima. A differenza del francese Zibi non era un realizzatore proficuo (31 reti in 133 presenze) ma risultò sistematicamente decisivo nei grandi appuntamenti europei della Juventus tanto da meritarsi il famoso appellativo di "bello di notte" pronunciato dall' Avvocato all'atto di presentarlo ad Henry Kissinger.[3]

Il 16 maggio 1984 a Basilea segna al 41° del primo tempo il gol vittoria che consentì alla Juventus di battere il Porto e vincere la sua prima Coppa delle Coppe.[4]

Il 16 gennaio 1985 a Torino contro il Liverpool campione d'Europa in carica, su di un campo ai limiti della praticabilità a causa della neve, segnò una doppietta che consentì alla Juventus di conquistare la sua prima Supercoppa Europea.[5]

Durante la finale di Coppa dei Campioni del 1985 contro il Liverpool (tristemente celebre per la Strage dell'Heysel), un fallo da lui subito, appena fuori area ma valutato dentro dal direttore di gara che era lontano dall'azione, causò il rigore poi trasformato dall'amico Platini che portò i bianconeri alla vittoria della loro prima coppa, che tuttavia il campione polacco non ha mai sentito sua.[6] Va ricordato, inoltre, come all'indomani della partita annunciò di voler devolvere il premio partita, circa 100 milioni di lire lordi, alle famiglie delle vittime.[7]

martedì 15 febbraio 2011

Nel segno di Mr. Goffo.


Ci siamo capiti BimbiMinkia?

lunedì 14 febbraio 2011

41 punti , troppo pochi per la Champions


Il nostro popolo stasera è in festa , fiumi di lacrime , urla ai massimi decibel , bottiglie stappate per brindare alla vittoria sugli odiati interisti. Sarà , ma da vecchio juventino abituato a ben altre gioie , guardo la classifica e il grande sospiro alla traversa di Eto'o ha un motivo preciso , quello di aver mantenuto le distanze invariate da Udinese e Lazio , le rivali , insieme alla derelitta Roma per raggiungere i preliminari di Champions , obiettivo minimo per sperare di costruire una squadra davvero competitiva per vincere.


Certo , finchè la Juve è stata in campo con tutti gli effettivi e con lo schieramento tattico voluto dall'alchimista Delneri, l'avversario è stato tutt'altro che pericoloso. Poi , la sfiga che perseguita questa squadra è entrata in scena con gli infortuni di Matri e l'uscita forzata dell'inguardabile quanto utile Felipe Melo . Ma nonostante tutto , nonostante le incredibili minkiate di Pepe,Krasic e Sorensen , nonostante l'imprecisione del man of the match che ne avrebbe potuti far tre pur lancinante come Dorando Pietri, la vittoria è arrivata .

E allora si , cara Bedi e caro Paolillo , una risata vi seppellirà e il vostro fegato duolerà per aver ancora perso , come è normale che sia , con la Juventus, anche con questa Juventus , scarsa ma tenace, poco tecnica ma pugnace .


Il finale è per il chiavatore di Veline . Abbiamo trovato un centravanti che vede la porta , coi piedi buoni e con la faccia del predestinato. Questa squadra , col rientro di Quagliarella e con opportuni innesti di qualità nella zona nevralgica del campo potrà competere per vincere . Anche con un manovale socialista della panchina di stampo murignano ...


- Bertino O'Spruzzatore -

venerdì 11 febbraio 2011

Perle o pirlate per i porci e i proci. di SenzaSenso



1. .........da segnalare un CRISCITO che sta diventato il più forte terzino sinistro del campionato di calcio..dopo BALZARETTI......il genoano e in grande crescita...oggi per comprare CRISCITO ci vogliono minimo 15 milioni.....un giocatore che presto diventerà titolare della nazionale

2. la squadra del SINDACALISTA alias LEONARDO.......e una squadra squinternata.......difesa orrenda.............Inter-Udinese..miglior giocatore il portiere.........Inter-Napoli...miglior giocatore il portiere.....Inter-Palermo miglior giocatore e il portiere ….....Inter-Roma miglior giocatore il portiere il portiere....infatti JULIO CESAR e stato decisivo contro la ROMA........decisivo contro il PALERMO..........l'INTER e bombardata da ogni posizione di campo......la porta dell'INTER e presa a pallottolate......come quei videogames....con il tiro a bersaglio...................un pizzico di fortuna ci vuole.................l'Inter tenta di giocare con difesa alta....senza fuorigioco.........e queste sono le conseguenze....................sul piano tecnico tra INTER e ROMA e come l'acqua con il vino.....la ROMA e squadra tecnicamente europea.....l'INTER e squadra che ha bisogno di grande condizione fisica essendo squadra di falegnami...oggi l'INTER ha una ciondizione fisica straordinaria.....ma ha bisogno di tenerla..............quando parlaimo di SNAJDERR parliamo dell'unico grande giocatore in una squadra di falegnami..



3. Poi c'è stata la JUVENTUS e CAGLIARI............la miglior Juventus del 2011...ha vinto in maniera meritata a Cagliari..........una Juventus che sta ritrovando un'ottima forma atletica..le squadre di Delneri da Febbraio in poi volano.......lo si era visto anche contro un PALERMO COTTO........una Juventus che correva come dei pazzi................... come dicevo con l'INTER...le squadra composte da falegnami...hanno bisogno di avere la condizione fisica alle stelle................la JUVENTUS come l'INTER e squadra di falegnami....ci sono eccezzioni come AQUILANI e SNAJDERR che sono il vino dentro una botte piena di acqua..........AQUILANI fa parte di un'altro mondo......giocatore che gioca con le pantofole.......infatti lo si nota subito dentro la Juventus operaia



4. Poi c'è stato il PALERMO SHOW.......a LECCE il pubblico pagando il prezzo del biglietto ha visto calcio di alta tecnica...................straordinario il PALERMO...che in 7 giorni......con 14 giocatori.....senza rotazione.....solo 14 giocatori per 270 minuti di partita....ha disputato 3 partite.....contro l'Inter a San Siro..dando lezione di calcio...fermato da un PORTIERE e dal FATO........il tiro di BALZARETTI a SAN SIRO e stato da video games............poi ha giocato contro la JUVENTUS in casa.......riposando....infatti per 70 minuti camminava per il campo............3 giorni dopo........a LECCE........grazie all'uomo fresco....HERNANDEZ........ha vinto una partita con un 2° tempo da fuochi d'artificio.



5. se il PALERMO aveva una rosa come INTER...JUVENTUS e MILAN di 75 giocatori...poteva far ruotare i giocatori......oggi il PALEMRO poteva avere anche 60 punti....con una maglia di colore a strisce del NORD......la STAMPA a suo servizio.......con padrone di TV......oggi il PALERMO sarebbe ogni giorno in TV decantata da PRETI e MIGNOTTE.......veniva offerto come pane quotidiano al POPOLO SERVO e SCHIAVO....Invece si scopre......che all'estero....il PALERMO di DELIO ROSSI e decantato.....Sabato contro la Fiorentina...allo stadio ci saranno 4 dirigenti delle più grandi squadre del mondo per visionare alcuni giocatori dove tutta la stampa del mondo sta parlando......Pastore.....Ilicic....Sirigu.....Nocerino......Hernandez..............in Italia invece si parla di altro........di calcio brutto........



6. Bisogna chiedersi del perchè all'estero parlano male del nostro calcio..................il tacco di Ilicic a Verona ha fatto il giro del mondo.....in Italia invece si preferisce parlare del contratto del 45 enne Del Piero...oppure delle antipatie sessuali di Ibrahimovic e Pato........Il calcio vero e lasciato per chi e al di fuori delle ALPI......ovvio che poi nascono scienziati c.oglioni che preferiscono vincere rubando che perdere giocando bene................il TIFOSO e creato dai MEDIA......perchè e uno da spremere fino al buco del c.uolo............



7. Sampdoria in ripresa.......in questi giorni dei BUFFONI.....parlano che la SAMPDORIA non segna da quando e andato via PAZZINI......ovvio che poi i TIFOSI sanno il FALSO...e crescono MALE..........Bisogna di dire a questi deficienti.....che la SAMPDORIA non segna più da quando non c'è CASSANO.............perchè con PAZZINI la SAMPDORIA non segnava...............fu grazie a JUAN....che la SAMPDORIA segnò 2 gol alla ROMA....furono due regali di JUAN................PAZZINI e uno che segna pochi gol di natura.......il suo record fu quando gli fu messo vicino CASSANO...........allora PAZZINI sfruttava il lavoro di CASSANO........uscito CASSANO..........PAZZINI e tornato nella mediocrità del tipico attaccante che ha bisogno degli ALTRI............Il VERO ATTACCANTE MODERNO e colui che non ha bisogno degli altri....................



8. Poi in settimana c'è stata la nazionale...........come aveva previsto...senzasenso...GIOVINCO sarebbe stato presto convocato.......ottima la partita di GIUSEPPE ROSSI....che per il calcio italiano e troppo piccolo...brutto e sporco............come aveva previsto senzasenso....il tandem in difesa e BONUCCI e RANOCCHIA....infatti PRANDELLI aveva chiesto a MAROTTA di comprare RANOCCHIA alla Juventus...perchè aveva intenzione di creare na ITALJUVE.......come e nella scaramanzia di tutto il mondo del calcio e sopratutto gli allenatori............come diceva GIANNI BRERA tantissimi anni fa....che la nazionale italiana diventerà grande tutte le volte che diventa grande la Juventus........e una specie di talismano......come diceva Brera...la Juventus rappresenta il contadino e l'operaio...l'Inter l'aristocratico..il Milan la lussuria.................e per vincere con l'Italia ci vuole l'operaio....il DNA dell'Italiano vero............Sono daccordo con le profetiche di Gianni Brera..........infatti la Juventus nei 100 anni ha sempre rappresentato il contadino....l'operaio...e invece le altre 2 regine del calcio italiano rappresentano un po' i salotti buoni dell'alta società italiana...l'aristocrazia....e la lussuria o ricchezza...............



9. Stranamente anche le TRE RAFFIGURAZIONI di Juventus...Inter e Milan........nel primo c'è la Zebra......che ha un significato ben preciso......nel secondo c'è il serpente....che ha significato.....nel terzo il diavolo........appunto...ZEBRA...SERPENTE e DIAVOLO............non e un caso......Stiamo divagando...già PRANDELLI.......esatto......voleva che RANOCCHIA e BONUCCI giocassero insieme anche nel club per avere la simbiosi perfetta.......................non e un caso che MATRI comprato dalla Juventus e subito arrivato in nazionale........e probabilmente diventerà titolare se farà almeno 16 gol in campionato........PRANDELLI e scaramantico fino al buco del c.uolo lo era anche nella sua carriera da calciatore come il 90% dei calciatori......Pure senzasenso e sempre stato scaramantico......nella sua pur breve carriera calcistica......ha dato sempre importanza a cosa doveva fare e agire per fare bene in campo............il calcio si muove sul filo d'erba...un filo di vento.......un palo......un tiro a porta vuota sbagliato aveva un significato ben preciso.......Il 90% dei calciatori fa parte del club degli scaramantici......una malattia mentale.............quindi la capisco.........Per questo trovo strana la convocazione di THIAGO MOTTA..che italiano non e............molto probabilmente AQUILANI prenderà il suo posto.....appena si riprenderà dalla bombola d'ossigeno.........tra AQUILANI e THIAGO MOTTA e come l'acqua con il vino..............uno e un calciatore l'altro un falegname.......….......Fa senso che gli scarti della Juventus siano tutti in nazionale......CASSANI....NOCERINO.....GIOVINCO...CRISCITO........BALZARETTI.........Lo stesso discorso e su CASSANO.....che Prandelli aveva chiesto a Marotta di portarlo alla juventus....il probelma che era al 95% un giocatore della Juventus se GARRONE con MAROTTA..e Delneri si mandarono a FANC.ULO...........come e fatto GARRONE che e vendicativo......pur di darlo alla Juventus lo dava gratis al MILAN come e successo.........



10. JUVENTUS-INTER........................3-1..........................Partita tra due squadre che hanno un ottima condizione atletica e non tecnica...........a parte AQUILANI e SNAJDERR....giocatori sprecati per giocare in queste due squadre...........la Juventus colpirà dal centro....e l'Inter risponderà sugli esterni.....in questa gara prevedibile la vittoria della Juventus....anche se gli scommettitori e meglio che giocano un 1X..........anche un pareggio potrebbe starci..........in questa partita in gol...KRASIC e SNAJDERR.........



- SenzaSenso -

mercoledì 9 febbraio 2011

Parliamo del 4-3-3



Nel corso degli anni, da appassionato, ho sempre ammirato questo modulo e i suoi piu' grandi interpreti. Lasciando perdere il calcio di qualche anno fa'(forse troppi) ho un po' di materiale di Delio Rossi e di Allegri, diciamo che questi sono integralisti del 433 "moderno", ecco forse possiam parlare di "433 moderno" dove le ali non è detto che debbano giocare su linee esterne o che non debbano tornare a difendere.

Nel 433 di Galeone, di Zeman, o del Barcellona è difficile vedere che i 2 attaccanti larghi tornino dietro la linea della palla.

Nel 433 "moderno" di rossi o di Allegri(a Cagliari), di Gasperini, di Giampaolo, 2 punte su 3 hanno compiti difensivi; forse a parte Delio Rossi che è colui che gioca in maniera spregiudicata, ma negli altri casi piu' o meno è quello, allora si parla di 451, 4141, etc etc con numeri e caxxate varie, questo fa' capire che il modulo è un fattore indicativo della fase difensiva e cioè come posizionarsi quando gli avversari hanno palla e non quando ce l'hai tu altrimenti perdi imprevedibilita' e fattore sorpresa.

Comunque sicuramente i giocatori piu' importanti nel 433 sono

-il mediano davanti alla difesa

-i 2 centrocampisti "laterali"

-le 2 ali questi sono i giocatori fondamentali.

Le caratteristiche dei centrocampisti le riprendo da quello che ricordo di una pubblicazione INTERESSANTISSIMA di Allegri sul centrocampo a 3: il mediano deve avere intelligenza tattica, non tanto doti da gran regista(utili ma non NECESSARIE), ma piuttosto gran senso della posizione, molto cervello(per gestire il pressing) ed intelligenza.il suo raggio d'azione è di massimo 30 metri quadrati.sarebbe poi da integrare con 2 cc, uno con doti da incontrista, l'altro con doti da incursore/trequartista.

Vi faccio l'esempio del Palermo, con Migliaccio(il mediano), Nocerino(l'incursore), e Bacinovic(l'incontrista anche se ha piedi molto buoni), o il Cagliari di Allegri con Conti davanti la difesa(mediano), Lazzari era colui che si inseriva creando superiorita' numerica, un regista/incursore, completati da Biondini il faticatore.

Nel 433 è importante il trio di centrocampo, le partite in generale si vincono con il dominio del cc e nel 433 hai piu' speranze di farlo.le 2 mezze ali sono fondamentali in quanto una delle due deve sempre appoggiare il gioco offensivo e inserirsi con i tempi giusti perche’ se così non fosse(niente appoggi o inserimenti) con il 433 diventerebbe molto difficile creare occasioni da gol e sarebbe un modulo molto prevedibile.

I 2 esterni offensivi devono avere grandi capacita' condizionali(piu' che altro velocita' sui 15 mt, agilita', e resistenza), e devono esprimerle molte volte durante la partita, devono saper saltare l'uomo, e sapersi muovere con i tempi giusti.

Le caratteristiche della punta poi variano in base alla scelta dei due esterni offensivi.Se i due esterni hanno le caratteristiche che ho scritto qui sopra il centravanti deve essere mobile, e bravo tecnicamente, perché ha il compito di collegare le due catene laterali e il compito di far salire la squadra.se invece gli esterni sono piu' "tornanti" o meglio, dei trequartisti fantasiosi, allora la punta centrale può anche non essere molto brava tecnicamente e quindi non collaborare continuamente con i suoi compagni, ma deve avere le caratteristiche del vecchio bomber-finalizzatore.un po' come Pastore-Ilicic-Pinilla. quello che si perde con la punta in fase di manovra, lo si recupera col trequartista.c'è da dire inoltre che il 433 non è il modulo che privilegia l'andare sul fondo e crossare, questo era il vecchio 442.
ora si sfrutta lo spazio in fase offensiva con i movimenti delle 2 ali che tagliano e si portano gli avversari ovvio che è il miglior modulo secondo me per attaccare perche' offre molte soluzioni offensive, si può attaccare la profondita' con 2 giocatori, non è molto facile pero' la fase difensiva se non è previsto il sacrificio di 2 attaccanti su 3. la perfezione sarebbe quella di riuscire ad attaccare con l’imprevedibilità che ti offre il 4-3-3 in fase offensiva e difendere con la compattezza che ti offre il 4-4-2 in fase difensiva ma sappiamo che nel calcio niente è perfetto e per ogni mossa esiste una contromossa(almeno in teoria, nella pratica è un po' diverso e il barcellona lo dimostra).

secondo Delio Rossi il 433 non prevede la presenza necessaria di tre attaccanti puri ma almeno di tre punti di riferimento in fase offensiva. secondo il suo credo si gioca con 3 centrocampisti e poi1 punta+2 esternioppure 1 punta+2 rifinitori
ovvio che bisogna avere i giocatori giusti per farlo.

vi ricordate MOurinho, che provo' il 433 con Mancini-quaresma ali??che fine fece??


CONCLUDENDO a mio parere il 433 sta pian piano sparendo perche' è il modulo piu' difficile da applicare(e di conseguenza come gia' detto quello piu' difficile da contrastare), a mio parere perche' è necessario molto tempo per far apprendere ai giocatori alcuni concetti fondamentali e gli schemi di costruzione-rifinitura, e gli allenatori adesso hanno poco tempo per lavorarci su.non a caso l'unica squadra che gioca un 433 preciso, aggressivo, organizzato, spettacolare, in una parola PERFETTO, è il barcellona, ma i suoi interpreti sono "indirizzati" a giocare al 433 dai 7-9 anni.per apprenderne i suoi meccanismi ci vuole tempo, cosa non sempre possibile nel mondo del calcio.ma se fatto bene è lo spot di questo sport, viva il calcio, ovviamente d'attacco!!


- Mister Baggio 18 -

martedì 8 febbraio 2011

Il rinnovo di Rubik ...

con i problemi che abbiamo
.
con la Figc che ci massacra

con Nicchi che nemmeno sospende Morganti

con Buffon che sembra il cugino scemo di Adam Sandler

con la difesa più perforata della passera di CArmella ...

ci si preoccupa del contratto di una cariatide di 36 anni, come se ci fosse la fila per prenderlo.

Al massimo andrà a svernare con Cadavaro a Dubai ...


- Mariello l'Iracondo -

lunedì 7 febbraio 2011

Isola felice ( quasi )



Vincere a Cagliari per riaccendere la speranza . Una squadra ancora imprecisa , ancora insicura , ancora con la scimmia sulla spalla passa fuori casa su un campo ostico festeggiando con la doppietta dell'ex e con una capocciata impossibile del contestato Luca Toni.

La Juve del primo tempo è parsa tecnicamente più convincente, più coperta e più adatta alla sua missione e alle caratteristiche degli uomini in campo. Matri , se non si guasta e non lo massacrano , pare il giocatore ideale per fare da spalla a Krasic e a una punta tecnica e anarchica come Fabio Quagliarella. Vederlo sacrificarsi da esterno per far giocare in mezzo Luca Toni mi ha fatto venire l'orticaria.

Buone notizie , Barzagli è certamente il centrale più di livello della squadra, Bonucci delude , Chiellini terzino , al di la del cross vittoria , è una scelta dettata dalle assenze e dalla paura di schierare un giocatore con pochissimi significati offensivi . E puntuale è arrivata la cappella dell'Orango sul gol del pareggio , ancora disabituato alla nuova posizione in campo .

Buone notizie da Buffon , ancora una volta autore di una prova per cui meriterebbe l'immediata spedizione in panchina. Impacciato e insicuro , dopo le scialbe prestazioni offerte con Udinese e Palermo , il portiere più forte e più piciu di sempre , colleziona un'altra brutta serata.

Buone notizie da Krasic e Felipe Melo che sembrano aver ritrovato il ritmo partita.

Buone notizie da Delneri che vince la partita con dei cambi che ha capito solo lui avendo , per fortuna , alla fine ragione cogliendo i 3 punti.

Prossima tappa con gli indossatori, gara dai mille risvolti di cui l'unico sensato è quello di cogliere , ancora una volta , 3 punti per salire in classifica

- Bertino O'Spruzzatore -

giovedì 3 febbraio 2011

Non è sempre colpa dell'arbitro


Sebbene, nel momento in cui il tanto criticato arbitro usa il fischietto per il calcio d'inizio di una partita, la prestazione e soprattutto poi il risultato dipendano da quanto i giocatori sapranno comportarsi sul rettangolo di gioco, il DOVERE dell'allenatore non è esaurito nella preparazione settimanale della gara e alla stesura della formazione con le relative istruzioni pre-partita.


Il tecnico, proprio in funzione del credo tattico e dell'atteggiamento preordinato, deve costantemente seguire l'efficacia delle proprie scelte e la validità della prestazione espressa dalla propria squadra durante i 90 minuti.


La valutazione oltre che in ambito tecnico e tattico deve essere incentrata anche sull'analisi della prestazione da un punto di vista fisico e psicologico.Pur non avendo l'ampiezza dei mezzi a disposizione dell'allenatore del Calcio a 5(cambi illimitati, time out ecc.) il tecnico ha comunque una serie di possibilità a sua disposizione che deve saper utilizzare al meglio per "indirizzare" la partita.

L'allenatore di calcio può intervenire per modificare atteggiamento ed efficacia della prestazione dei suoi ragazzi attraverso:
- suggerimenti individuali da dare ai singoli giocatori;

- cambio di posizione i giocatori;

- cambio degli sviluppi offensivi e/o difensivi preordinati, senza modifica del sistema di gioco;

- cambio del modulo

-sistema di gioco


Il Mister puo' usufruire di 3 sostituzioni/cambi per riuscire ad intervenire in modo marcato sul cambiamento del sistema di gioco e sugli sviluppi e può sfruttare la pausa tra primo e secondo tempo per comunicare alla squadra in maniera piu' dettagliata e per cercare anche di mutare il morale dei suoi ragazzi.


Ma a gara in CORSO??

Come si fa a comunicare decentemente con i giocatori??

Soprattutto con i giocatori che occupano la fascia opposta rispetto alla panchina, sono difficili da raggiungere con messaggi e suggerimenti vocali.


Un buon metodo usato anche da molti allenatori ad altissimi livelli consiste nel disporre di un proprio portavoce sul campo e di far arrivare ai singoli giocatori il messaggio, sfruttando i cosiddetti "tempi morti" a gioco fermo(giocatore a terra, sostituzioni, etc). Occorre richiamare l'attenzione del portavoce per potergli dare le informazioni tattiche da divulgare. Ovviamente risulta fondamentale assicurarsi che il destinatario abbia capito tutto magari avendoci dato l'ok con un gesto d'intesa.


Spesso infatti, ancora oggi si assiste a tecnici che in panchina si sbracciano vanamente, senza che i giocatori riescano a capire le consegne, mentre dall'altra parte c'è una buona schiera di allenatori che sta in panchina per 90° senza urlare e sbracciari, e che sembrano incapaci ed impotenti di fronte alla necessità di comunicare alla squadra nuove importanti direttive.


VALUTIAMO IL RENDIMENTO

Con l'obiettivo di reagire in modo repentino a cio' che succede sul terreno di gioco il tecnico deve disporre, oltre che di un metodo per comunicare ai propri ragazzi, anche di un procedimento di analisi sicuro, semplice, immediato ed acuto. purtroppo sono tanti gli aspetti ed i cosidetti "dettagli "che possono rendere più o meno efficace rendimento dell'11 in e quindi è assolutamente necessario che il mister sappia decidere in modo piu' veloce e selettivo possibile, punendo attenzione prima sui particolari piu' necessari e poi su dettagli secondari. Possiamo affermare, per semplicità, che mentre la corretta analisi dei fattori primari ci sarà d'aiuto per correggere ciò che non "gira" a gara in corso, una efficace valutazione di tutti i dettagli secondari è utile per poter programmare il lavoro tattico che la squadra dovrà sostenere settimanalmente.


VALUTIAMO LA FASE DI NON-POSSESSO

Credo sia più semplice leggere la partita separando la fase di non possesso con la fase di possesso. E' molto semplice ed aiuta molto questa separazione ma è sempre opportuno ricordare che in realtà la fase offensiva e quella difensiva siano strettamente collegate ed influiscono l'una con l'altra. Le domande principali che un allenatore deve porsi quando valuta la fase di non-possesso della propria squadra sono le seguenti:

1 La squadra riesce con buona frequenza a concludere l'azione in modo da risultare equilibrata una volta chiamata a difendersi? (questa prima domanda, che analizza in realtà la fase di possesso, serve al tecnico per capire se l'efficacia della fase difensiva sia negativamente influenzata dalle lacune che la squadra possiede in fase offensiva).


2 Il pressing degli attaccanti e centrocampisti riesce a mettere pressione sulla squadra avversaria?- Le punte partecipano al pressing con i tempi corretti?- I centrocampisti accompagnano con efficacia i movimenti degli attaccanti?- Le distanze sono corrette?


3 L'azione del reparto di centrocampo è efficace?- I centrocampisti riescono a pressare bene gli avversari diretti riducendo i loro tempi/spazi di giocata?- I centrocampisti riescono a recuperare rapidamente una volta superati dalla linea della palla?


4. L'azione dei centrocampisti e difensori riesce ad impedire agli avversari di ottenere la rifinitura?- Il blocco riesce a creare superiorità numerica?- Il blocco riesce a gestire le situazioni di parità numerica?- Il blocco riesce a muoversi in modo coordinato?


5. L'azione del reparto difensivo è efficace?- Il reparto riesce a leggere efficacemente la situazione della palla coperta/scoperta e compiere l'elastico difensivo?- Il reparto riesce a scalare con i tempi giusti?- Il reparto riesce a reggere collettivamente ed individualmente ed a tamponare efficacemente le rifiniture avversarie (tagli, sponde, cross, combinazioni)?


6. Il portiere sa leggere la situazione tattica e riesce a difendere lo spazio oltre che la porta quando è necessario?


7. Quali sono i giocatori che non riescono a muoversi tatticamente in modo opportuno nella fase di non-possesso? (è sufficiente un richiamo od occorre prendere in considerazione un riposizionamento all'interno del campo o la sostituzione con un giocatore a disposizione) ?


8. La linea del pressing è efficace(o potrebbe essere possibile alzarla o abbassarla ottimizzando il rendimento difensivo)?


9. La squadra riesce a difendersi in modo alto e lasciando comunque campo alle spalle del reparto difensivo (o potrebbe essere auspicabile cambiare atteggiamento)?


10. La squadra riesce a difendersi efficacemente temporeggiando ed accorciando dietro lasciando l'iniziativa in mano agli avversari (o potrebbe essere auspicabile cambiare atteggiamento)?


11. Le scalate e la contrapposizione al modulo avversario sono efficaci (o è preferibile cambiare sistema di gioco)?


VALUTIAMO LA FASE DI POSSESSO PALLA

L'obiettivo della fase offensiva è naturalmente la conclusione a rete ed il goal. In tale ottica l'allenatore deve riuscire a valutare l'operato della propria squadra.


1. La squadra riesce a recuperare palla in modo equilibrato? (come già visto in precedenza questa prima domanda, che analizza in realtà la fase difensiva, serve al tecnico per capire se l’efficacia della fase offensiva sia negativamente influenzata da un errato atteggiamento in fase di non possesso).


2. La squadra riesce ad ottimizzare la fase di transizione positiva e le ripartenze?- La squadra, una volta recuperata la palla riesce subito ad interpretare le miglior soluzioni possibili? -La squadra sfrutta bene gli spazi concessi?


3. La squadra riesce ad utilizzare i flussi di gioco opportuni in fase di costruzione?- Il reparto difensivo riesce a gestire la palla?- Il blocco composto da difensori e centrocampisti riesce a leggere la situazione ed a gestire efficacemente la palla nell'ottica di sviluppare una fase di impostazione volta all’aggiramento?- Il blocco composto da centrocampisti ed attaccanti riesce a muoversi collettivamente?


4. La squadra riesce a sviluppare una efficace fase di rifinitura?- Il reparto di centrocampo riesce a gestire la palla ed a muovere i propri elementi in modo da creare problemi di contrapposizione tattica agli avversari?- I giocatori del reparto avanzato riescono a sostenere le fasi di impostazione, pre-rifinitura e rifinitura della propria squadra e a muoversi in modo coordinato con i compagni del reparto di centrocampo?- La squadra riesce ad ottimizzare le tecniche di rifinitura in funzione di quello che è lo scaglionamento avversario? - Le tecniche di rifinitura utilizzate risultano efficaci e riescono ad esaltare le peculiarità degli attaccanti?


5 Quali sono i giocatori all'interno dei vari reparti che non riescono a muoversi tatticamente in modo opportuno ottimizzando tempi e partecipazione alla fase di possesso (è sufficiente un richiamo od occorre prendere in considerazione un riposizionamento all’interno del campo o la sostituzione con un giocatore a disposizione) ?


6. Quali sono i giocatori che hanno difficoltà nell'uno contro uno non riuscendo ad attaccare l'avversario con e senza palla a seconda del contesto tattico (è sufficiente un richiamo od occorre prendere in considerazione un riposizionamento all’interno del campo o la sostituzione con un giocatore a disposizione)?


7. I flussi di gioco sono efficaci (o potrebbe essere opportuno modificare qualcosa in fase di costruzione/prerifinitura/rifinitura)?


8. Le scalate, gli accorgimenti e la contrapposizione del modulo avversario sono efficaci (è auspicabile cambiare sistema di gioco)?

Queste proposte sono alcune tra le principali domande che un allenatore può o deve porsi per cercare di valutare il rendimento dei propri giocatori e riguardano esclusivamente il rendimento dei singoli e della squadra in riferimento alle situazioni tattiche di campo.Una ulteriore ed approfondita analisi andrà effettuata in merito a tutte quelle situazioni derivanti da rimesse in gioco e palla inattiva vista l'altissima percentuale di segnature che scaturisce direttamente o indirettamente da tali circostanze.


- Mister Baggio18 -

Vorrei ma non posso




Quant'è dura accettare il verdetto del campo. La Juve perde a Palermo l'ennesima occasione per recuperare punti e posizioni in una classifica corta e deficitaria. Tecnicamente c'è poco da dire . Uscito Matri è finita la pericolosità offensiva della squadra. Pur mangiandosi tre gol all'esordio Matri ha dato all'attacco bianconero una presenza che mancava da tempo. Quello che ancora non c'è è la velocità e la precisione nei passaggi , nelle geometrie, nell'attaccare gli spazi . La Juve c'è con la testa ma non c'è con i piedi, aspetta il Palermo che puntualmente la punisce in velocità e approfitta dell'ennesima disattenzione difensiva . La Juve si sveglia e si scuote non per suoi meriti ma per la palese ingiustizia di un rigore non concesso. Morganti da la scossa alla Juventus ma nonostante l'orgoglio ferito e i gol mangiati non riesce a pareggiare una partita contro un avversario ampiamente alla sua portata. Non si può dire che la Juve non ci abbia provato e messo l'anima . Il problema è che sulle fasce Grygera e Grosso sono giocatori da terza categoria e in mezzo al campo Aquilani e Melo non danno ritmo e creatività a un attacco che soffre maledettamente l'assenza di Fabio Quagliarella. Morganti , anche stasera, ha dato il meglio di se .
Complimenti sinceri . Nulla è perduto . Rialziamoci e lottiamo fino alla fine.


- Bertino O'Spruzzatore -